Simona, 23 anni e un sogno realizzato: aprire un negozio di abbigliamento vintage. Esclusivamente di marchi di prestigio, però: accessori ricercati, oggetti di vanità che nel tempo sono divenuti la testimonianza dello stile di un’epoca passata e l’icona di un momento storico della moda.
Il suo negozio è una bomboniera situata nel centro storico di Cremona, le cui piccole vetrine attirano gli sguardi concupiscenti delle fashion addicted di tutte le età.
 
Simona, quando è nato in te l’interesse per il vintage? Da sempre mi hanno affascinato i racconti, i film di altre epoche… L’interesse invece per la moda vintage ha iniziato ad accompagnarmi quando ho potuto constatare la lavorazione di un abito, la scelta di un tessuto e tutto il lavoro che c’è dietro la creazione di questi.
Dove trovi i capi e gli accessori che proponi nel tuo negozio? Girando molto inizialmente, non mi piace fermarmi ad una sola fonte. Il più delle volte mi intrufolo nelle case di appassionate di moda vintage che nel tempo hanno collezionato capi unici e irripetibili, sia come modelli che come materiali, oltre che modelli di borse di LV o Chanel o molti altri marchi che adesso non si trovano più.
Che tipo di clientela acquista la tua merce? Avendo aperto da pochi mesi non saprei dare un profilo del cliente ideale, diciamo che per ora sia la ragazza più giovane che la signora di una certa età apprezzano il genere.Perché comprare vintage? Il vintage è un insieme di caratteristiche, è un oggetto che non ha tempo nel quale viene esaltata la qualità della lavorazione e dei materiali. Un capo unico nel suo genere e nel suo stile, che sapientemente abbinato riesce a trasmettere lo spirito di chi lo indossa. Vintage è il fascino di immergersi nella storia attraverso un tessuto, una lavorazione, uno stile di vita. Vintage non è usato ma qualità di idee, capacità e ricerca che ora stiamo via via perdendo.Qual è il capo più difficile e quello invece relativamente facile da trovare? Beh, nei miei desideri esiste il sogno di poter vedere e toccare un abito delle sorelle Fontana. Sono pezzi unici… e di un incanto che lascia senza parole. Sono invece relativamente facili da trovare le borse di Louis Vuitton e l’abbigliamento di alta sartoria.
E l’oggetto più richiesto? La 2.55 di Chanel. Senz’ombra di dubbio.
Una borsa come investimento (più sicuro di tante azioni? E’ probabile). Vai sul sicuro se compri una…. 
Beh, se si può investire e si ha la passione, consiglio vivamente il sogno di ogni donna che ama tutto questo mondo e cioè la Birkin di Hermès.

Prestige Vintage Couture   R.I.P.
Dove: Corso Matteotti 9 Cremona
Quando: lunedi 15.30 – 19.00 martedi – sabato 09.30/12.30 – 15.30/19.00
Info: www.facebook.com/PresigeVintageCuture -  366.4176328

A proposito dell'autore

Flavia Vighini

Cremonese, antispecista, koumpounofobica. Già ti sento: Koumpouno-che?? Odio i bottoni. Sì, li odio, li detesto! La polo è la mia peggior nemica. Amo tutto di Cremona: la città: la luce che batte contro il Duomo al crepuscolo, i liutai, il mercato del sabato mattina, i tramezzini di Ugo, i fiori di pioppo; tutto tranne le zanzare. Nella vita mi occupo di relazioni internazionali. Mi piace scrivere, leggere e conoscere persone nuove. Nelle mie pause pranzo studio Lettere e beni culturali alla facoltà di Musicologia di Cremona.